Lavoro

Per lavorare in Europa la Svizzera ha concluso degli accordi con i paesi dell’Unione Europea. Gli svizzeri hanno dunque gli stessi diritti degli europei se vogliono svolgere un’attività lavorativa in Europa: possono recarsi nei paesi membri, muniti di carta d’identità, esercitarvi una professione e viverci in maniera durevole. 

L’UE ha deciso nel 1993, nell’ambito dell’apertura delle frontiere, di creare una rete chiamata EURES (European Employment Services). L’idea è di incoraggiare la mobilità della mano d’opera all’interno dell’Europa. A questo scopo 31 paesi, tra i quali la Svizzera, hanno messo a disposizioni 850 consiglieri e consigliere.

Informarsi sul paese di destinazione
Una delle prime tappe per preparare la partenza verso un altro paese è di informarsi. È molto importante acquisire delle informazioni sulle condizioni sociali e di lavoro: il numero di ore a settimana, i congedi, i metodi di pagamento del salario, le condizioni delle assicurazioni mediche e sociali, ecc.

A livello finanziario, nella maggioranza degli altri paesi europei i salari e il costo della vita sono molto più bassi, ma in alcuni di essi il salario medio permette appena di coprire le spese di vitto e alloggio. Nelle grandi città come Parigi o Londra per esempio, gli affitti sono molto cari e bisogna cercare una sistemazione con largo anticipo (settimane o addirittura mesi). La preparazione del viaggio è dunque molto importante. 

Quando hai un’idea globale del funzionamento del paese, è importante informarti sul tuo settore lavorativo: qual è la formazione richiesta per il tuo lavoro, quali sono le differenze, se il tuo diploma è riconosciuto, a che livello corrisponde, ecc.

EURES ha messo a disposizione sul suo sito internet una banca dati contenente informazioni dettagliate sulle condizioni di vita e di lavoro nei paesi membri della rete.

Trovare un lavoro

Se in Svizzera sei iscritto all’URC puoi cercare un lavoro nei paesi UE/AELS durante un periodo di 3 mesi e, così facendo, ricorrere ai servizi pubblici di collocamento. Devi essere in possesso di un’autorizzazione preliminare.

Secondo il tuo ambito lavorativo dovrai avere un livello linguistico più o meno elevato.

Sul sito di EURES troverai delle informazioni generali sulla situazione economica del paese, dove cercare un lavoro o ancora quali sono i documenti necessari da allegare alle candidature.

Queste informazioni sono anche state raccolte in una brochure che dà dei consigli per ogni paese membro della rete EURES: bisogna stringere la mano al momento di un colloquio, bisogna allegare una foto al proprio CV, bisogna inviare i propri diplomi con la candidatura, ecc.

Lavoretti

Nella maggioranza dei paesi i settori seguenti sono accessibili facilmente: settore alberghiero, ristorazione, turismo e agricoltura. In questi ambiti si possono trovare dei lavori anche senza diplomi particolari.

Per cercare lavoro in uno di questi settori puoi indirizzarti direttamente alle società che t’interessano, sia direttamente sul posto, sia inviando un’e-mail o chiamando prima di partire. Trovi delle listi di indirizzi sul sito delle pagine gialle mondiali.

È sempre meglio avere un livello linguistico minimo, ma non è obbligatorio in questi settori.

Trovare un lavoro nel tuo settore professionale
Per trovare un lavoro all’estero è preferibile aver terminato la formazione e avere delle buone conoscenze della lingua del paese d’accoglienza. È consigliato l’utilizzo di Europass, il curriculum riconosciuto dalla maggioranza dei paesi europei. Puoi generare il tuo Europass direttamente andando sul sito web.

Se conosci delle persone sul posto oppure se hai dei contatti grazie alle tue relazioni personali o ai tuoi precedenti lavori non esitare a farne uso, è uno dei migliori metodi per trovare lavoro.

A livello europeo il sito eurojobs censisce delle offerte di lavoro europee e internazionali.

L’URC possiede una banca dati con possibilità lavorative all’estero. È possibile cercare la professione e il luogo desiderati. Per le offerte fuori dalla Svizzera bisogna digitare "estero" nella casella "luogo" sul sito.

Il Dipartimento Federale degli affari esteri DFAE ha censito una lista di link per la ricerca di lavoro.

Professioni regolamentate

Nel caso di professioni regolamentate, per esempio il mestiere di infermiere/a o di educatore/trice della prima infanzia, sono necessari il diploma corrispondente e l’autorizzazione dello Stato per esercitare la professione. Per queste professioni serve dunque un riconoscimento del diploma.

Se una professione non è regolamentata, non esiste nessun ostacolo legale ad essere assunti.

Riconoscimento del diploma
Uno Stato può richiedere di verificare se la tua formazione è equivalente a quella da lui fornita. Il contenuto e la durata devono essere paragonabili. Lo Stato ha il diritto di verificare ed eventualmente di negare il riconoscimento del diploma se la formazione e l’esperienza professionale non sono comparabili.

Farsi consigliare
In ogni paese puoi trovare dei consiglieri EURES per aiutarti nelle pratiche di ricerca di lavoro. La lista si trova sul sito seguente : ec.europa.eu

Per la Svizzera puoi consultare direttamente il link.

Procedure amministrative
Prima di partire, a seconda che tu stia partendo temporaneamente o definitivamente, ci sono delle procedure amministrative da effettuare; per esempio annunciare la tua partenza al tuo comune di domicilio oppure verificare con la tua assicurazione quale sarà la tua copertura all’estero. Per aiutarti il Dipartimento federale degli affari esteri DFAE ha scritto una brochure con tutte le procedure amministrative da fare in Svizzera e nel paese che ti accoglierà.

Contratto di lavoro
A seconda del paese nel quale andrai a lavorare, la legislazione copre la maggior parte degli aspetti quali congedi, periodo di prova, giorni di vacanza e salario. Il DFAE ha pubblicato una brochure che riprende gli elementi importanti al momento di negoziare o di ricevere il tuo contratto di lavoro.